Chi siamo

Il Consorzio San Luca riunisce una équipe di imprese e professionisti attivi nei settori della cultura, della creazione artistica e del restauro dei beni culturali, con l'obiettivo di fornire un servizio di qualità totale: un unico interlocutore con la forza di tanti specialisti vantaggio indubitabile per ogni committente.

I professionisti del Consorzio San Luca Vi possono affiancare in ogni fase dell'intervento: dalla progettazione, preliminare e definitiva, all'ottenimento delle necessarie autorizzazioni, dalla direzione lavori all'esecuzione delle opere, fino alla documentazione ed alla divulgazione dei risultati ottenuti

Ogni singola azienda del Consorzio San Luca possiede una qualificata professionalità, maturata in più di venti anni di esperienza svolta sia sul territorio nazionale che europeo.

Guarda il nostro book!

IL CONSORZIO IN 150 SECONDI



Ultime notizie

  • Progetto Vetro Retrò

    Giovedì 6 novembre 2014 alle ore 18.00 si inaugura nel Cortile del Maglio la mostra di opere artistiche in vetro realizzate dalle Consorziate Carla e Luisella Tricerri in collaborazione con la designer Paola Giordano. La mostra "Vetro Retrò" sarà visibile al pubblico fino a domenica 9 novembre con orario di apertura dalle 10.00 alle 20.00.

  • Il Cristo deposto del Plura: presentazione dei restauri

    Il 22 maggio 2014  si è svolta a Saluzzo una tavola rotonda che ha presentato le scelte portate avanti nel corso del restauro ultimato sulla scultura del Cristo deposto, attribuita oggi al Plura, situando la scultura nel panorama della statuaria lignea settecentesca della nostra regione e nel complesso monumentale per il quale è stata concepita. L’opera è stata ricollocata presso la sede originaria, nella chiesa di San Bernardino.

    Leggi di più

  • Nuovo Servizio: Riprese con Drone

    Il Consorzio, grazie alla ditta consorziata Gaidano&Matta, può oggi offrire servizi di ricognizione foto e video per mezzo di drone quadricottero dotato di camera ad alta definizione.

    Nella sezione MEDIA un breve esempio del monitoraggio preliminare eseguito sulla Porta Palatina di Torino

Home